LaCellula.net
Wiki scientifico con appunti e pagine per studenti universitari di Biologia, Chimica, Medicina e Veterinaria
Login / Register

Email:
Password:
Security: 9+2 =
Registrati
Password dimenticata?
Homepage > Appunti > Chimica analitica > Metodo di Fajans
Scritto da: lacellula il 2009-06-12. Ultima revisione : 2009-06-12. Leggi gli altri appunti di Chimica analitica.

Metodo di Fajans

Il metodo di Fajans utilizza la molecola della fluoresceina che ha il serve da indicatore di assorbimento.

La fluoresceina è un acido organico debole e in soluzione è presente nella forma ionizzata. Il nitrato di argento introdotto serve a formare una certa quantità di AgCl che si aggrega a formare una sostanza colloidale. Se nell'analisi gravimetrica la presenza di elementi colloidali è un problema in quanto questi non possono essere filtrati, nella analisi ad assorbimento è uno dei requisiti di maggiore importanza. La fluoresceina, infatti, interagisce in modo ottimale con la superficie della particella colloidale che, per quanto piccola possa essere, espone un elevato numero di atomi di cloro ed argento.

Formula struttura fluoresceina

Prima dell'equivalenza la concentrazione di Cl- è maggiore rispetto alla concentrazione di Ag+. Il primo strato di assorbimento, in questo caso, dato proprio dagli ioni Cl- che formano una particella colloidale stabile grazie alle interazioni di repulsione dovute alla presenza della carica negativa. Aggiungendo nitrato di argento si giunge dapprima al punto di equivalenza e, successivamente, si osserva un eccesso di ioni Ag+. Il secondo strato di assorbimento è dato dai cationi argento che vanno a depositarsi sulla particella colloidale. A questo punto l'indicatore può legarsi grazie alla elevata disponibilità di Ag+ e la soluzione cambia di colore diventando rosa.

Per quanto riguarda il pH questo deve essere mantenuto stabile e non può essere troppo acido. La fluoresceina, a pH bassi, tende ad essere presente nella forma non ionizzata e non potrebbe far parte delle reazioni con il secondo strato di assorbimento. Un altro aspetto da tenere in considerazione è dato dal fatto che la fluoresceina è fotosensibile; se la titolazione avvenisse in presenza di un determinato quantitativo di luce si potrebbe introdurre un errore di metodo in quanto la soluzione potrebbe non rispondere come ci si aspetta.

appunti ver.... ©