LaCellula.net
Wiki scientifico con appunti e pagine per studenti universitari di Biologia, Chimica, Medicina e Veterinaria
Login / Register

Email:
Password:
Security: 7+6 =
Registrati
Password dimenticata?
Homepage > Appunti > Chimica organica > Le ammine
Scritto da: lacellula il 2006-05-11. Ultima revisione : 0000-00-00. Leggi gli altri appunti di Chimica organica.

Le ammine

Le ammine.

Le ammine sono molecole riconducibili all'ammoniaca (NH3) in quanto possiedono un atomo di azoto mono-, di- e trisostituito con gruppi alchilici ed arilici. Una caratteristica chiave delle amine è dovuta alla loro basicità rappresentativa del fatto che l'azoto possiede un doppietto elettronico libero. Oltre ad essere delle basi le ammine sono una classe di molecole dal carattere nucleofilo e, per questo motivo, possono attaccare altre molecole elettrofile formando una serie di interessanti reazioni sia dal punto di vista della chimica organica che dal punto di vista delle biochimica.

La nomenclatura delle amine.

Le ammine possono essere distinte in alchilammine o arilammine in base al tipo di sostituente legato all'azoto. Le alchilammine hanno sostituenti non aromatici (metilammina, dietilammina) mentre le arilammine hanno uno o più anelli aromatici legati all'atomo di azoto (anilina, n-metilanilina). Inoltre le ammine possono essere distinte in:
  1. Ammine primarie quando possiedono un solo sostituente come nel caso della metilammina o della etilammina.
  2. Ammine secondarie quando possiedono due sostituenti come nel caso della dimetilammina o della dietilammina.
  3. Ammine terziarie quando hanno tutti e tre gli atomi di idrogeno sostituiti, come nella trimetilammina o nella trietilammina.
  4. Ammine quaternarie quando tutti e tre gli idrogeni sono sostituiti ed, in aggiunta, l'atomo di azoto per mezzo del proprio doppietto libero lega a sé una ulteriore catena carboniosa.
Esempi di ammine
Metilammina Metilammina. (ammina primaria alchilica)
Nella metilammina un gruppo metilico (-CH3) sostituisce un idrogeno. In questo caso si parla di ammina primaria.
Metiletilammina Metiletilammina (ammina secondaria alchilica)
La metiletilammina presenta un gruppo metilico ed un gruppo etilico (-CH2CH3) sostituenti due idrogeni. In virtù dei due sostituenti questa è una ammina secondaria.
N-metil-N-etilanilina N-metil-N-etilanilina (ammina terziaria aromatica)
In questa molecola le lettere N stanno ad indicare che i sostituenti (metile ed etile) sono legati all'azato dell'anilina. L'anilina è una molecola di ammoniaca nella quale un idrogeno è sostituito dal benzene. Oltre ad essere una ammina terziaria questa è una molecola aromatica proprio in virtù della presenza del benzene.
N-etil-N,N-metilammonio N-etil-N,N-dimetilammonio. (ammina quaternaria)
L'N-etil-N,N-dimetilammonio o anche L'N-etil-N,N-metilammonio è una ammina quaternaria. Da notare che l'azoto ha dovuto cedere il proprio doppietto elettronico per la formazione del legame con il gruppo metilico.


Basicità delle ammine.

Basicità delle ammine
Molecola pKb
Ammoniaca 4.76
Metilammina (primaria) 3.36
Etilammina (primaria) 3.19
Dimetilammina (secondaria) 3.27
Dietilammina (secondaria) 3.02
Anilina (aromatica) 9.37
4-nitroanilina (aromatica) 13.0
Rispetto all'ammoniaca le ammine sono molecole più basiche. Per arrivare a questa considerazione basta considerare il pKb dell'ammoniaca e quello delle rispettive ammine di riferimento tenendo in considerazione il fatto che maggiore è il valore del pKb minore è la forza della base. Le ammine aromatiche, inoltre, hanno un livello di basicità milioni di volte inferiore rispetto all'ammoniaca. Per comprendere quella che viene definita scala di basicità delle ammine è necessario tenere in considerazione alcuni aspetti:
  1. I gruppi sostituenti non hanno la stessa tendenza ad attrarre o donare gli elettroni. I gruppi elettrondonatori, come le catene carboniose, tendono a "spingere" gli elettroni verso l'azoto che pertanto è più facilitato a condividere il proprio doppietto elettronico. Evidentemente più lunga è la catena carboniosa legata all'azoto maggiore è la basicità di quest'ultimo e questo spiega perché la metilammina è meno basica della etilammina. Viceversa i gruppi elettronattrattori tendono ad "appropriarsi" del doppietto presente sull'azoto e, per questo motivo, diminuiscono la sua basicità.
    Basicit?  delle ammine
  2. Il solvente, a sua volta, può accentuare o meno la basicità delle ammine. Se il solvente è anche lievemente polare, come lo è l'acqua, è possibile la formazione di complessi sia con gli idrogeni ancora legati all'azoto, sia con l'azoto stesso.
  3. In ultima analisi si deve considerare l'ingrombro sterico. Questo, in parte, può inficiare il punto 1 perché se è vero che le catene carboniose sono discrete elettron-donatrici è anche vero che una ammina trisostituita, magari da sequenze lunghe di atomi di carbonio, può rappresentare un elemento di ingrombro sterico che impedisce l'attacco all'azoto da parte dell'acido coniugato.
appunti ver.... ©