LaCellula.net
Wiki scientifico con appunti e pagine per studenti universitari di Biologia, Chimica, Medicina e Veterinaria
Login / Register

Email:
Password:
Security: 10+3 =
Registrati
Password dimenticata?
Homepage > fisiologia > Carrier

Carrier

Questa pagina di Fisiologia Umana e generale contiene informazioni di natura tecnico scientifica, realizzate in modo specifico per gli Studenti Universitari dei corsi di Fisiologia Umana, Fisiologia Cellulare, Fisiologia degli apparati, etc. ed è anche classificabile come testo di Appunti di Fisiologia.

Un carrier è una proteina transmembrana, in altre termini è una proteina che attraversa il doppio strato lipidico, capace di trasportare una molecola da un versante ad un altro. Il ruolo di un carrier appare chiaro osservando che la membrana può opporre resistenza al passaggio di una molecola a causa della propria idrofobicità.

La maggior parte degli elementi, pertanto, richiede un canale alternativo per poter entrare nella la cellula. La cellula ha bisogno di un continuo rifornimento di molecole, ad esempio nutrienti, che senza i carrier e, in linea generale, senza i sistemi di trasporto attivo, rimarrebbero fuori rendendo segnato il destino della cellula stessa.

Come funziona un carrier? Non tutti i tipi sono uguali, dal punto di vista della meccanica di funzionamento, ma un buon esempio è schematizzato nella figura sottostante nella quale è si osserva il modo con il quale opera una proteina trasportatrice.

Diffusione e carrier

Schematizzazione del funzionamento di un carrier

È stato, in precedenza, asserito che i carriers sono proteine transmembrana. Un elemento si definisce transmembrana quando si affaccia sia sul versante esterno della cellula, in altre parole nel liquido extracellulare, sia dalla parte citoplasmatica. I carriers presentano dei siti di legame, il cui numero è differente da carrier a carrier, nei quali è possibile l’aggancio della molecola da trasportare. L’inserimento delle molecole determina il cambio di conformazione del carrier che, modificando la propria struttura, trasloca le molecole nel versante citoplasmatico per liberarle.

L’aspetto interessante del carrier è che questo non ha una preferenza di trasporto. Questo vuol dire che le molecole possono passare indifferentemente sia dall’esterno verso l’interno della cellula sia al contrario. Come si spiega questo comportamento? È possibile ipotizzare che un generico carrier, con due siti di legame sia saturato con due molecole all’esterno della cellula. Il carrier cambia la propria conformazione e le trasloca all’interno. A questo punto, dopo aver liberato le due molecole, il sistema si ferma per un piccolo intervallo durante il quale è disponibile a trasportare altre molecole nel percorso opposto, in altre parole dal citoplasma al liquido extracellulare. Se ciò non avvenisse, il carrier ritornerebbe nella posizione di partenza, in altre parole con i siti di legame esposti nel liquido extracellulare.

Dal forum
Query error. SELECT * FROM ipb_topics WHERE AND state = 'open';
Copyright LaCellula.net. Diritti di riproduzione riservati.
contents ver.1.4.2. © fc